Chiedi a FIAP
phone icon
Aderisci a FIAP
signUp icon
Iscriviti alla Newsletter
newsletter icon
News

Dal Tribunale di Roma una importante sentenza sui costi minimi

| Pubblicato in News
 Il Tribunale di Roma nel rigettare una richiesta di sospensiva ad un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, peraltro emesso dallo stesso tribunale, ha affermato due principi destinati a lasciare il segno su questa controversa materia dei costi minimi. In estrema sintesi il giudice ha affermato che, in primo luogo, anche in presenza di un contratto quadro stipulato in forma scritta, tale non può essere considerato se per ciascuna prestazione di trasporto non venga stipulato uno specifico contratto scritto che rispetti i requisiti di forma previsti dall'art. 6 del D.Lvo 286/2005. Poi viene confermata la motivazione, già sottolineata dal Tar del Lazio all’interno dell’ordinanza di rigetto della richiesta di sospensiva dei provvedimenti sui costi minimi, avanzata da Confindustria: le ragioni addotte dal ricorrente non sono apparse “tali da integrare i gravi motivi previsti dall’art. 649 del codice di procedura civile, anche in considerazione dell’interesse generale alla sicurezza del settore dell’autotrasporto, esplicitato dal legislatore italiano nel comma 4 dell’art. 83 bis.”  Per eventuali approfondimenti vedi anche la circolare prot. 025 del 29 gennaio 2013 e la sentenza allegata. 
customer care icon
Chiedi a FIAP

Contattaci per informazioni, chiarimenti e supporto!

fiap icon
Iscriviti a Fiap

Entra far parte della Federazione Italiana Autrasportatori Professionali

info icon
Informazioni

Contattaci in modo semplice e veloce!